Struttura

image_print

 

Il 19 novembre 2006 alle ore 16.14 il vecchio corpo box viene demolito davanti a 3.000 spettatori sulla collina della Rivazza utilizzando 700 candelotti di dinamite.

 

Il circuito e le strutture annesse sono state oggetto di un piano di riqualificazione e di ammodernamento, conclusosi nel settembre 2007 e curato dal noto architetto tedesco Hermann Tilke, specializzato nella realizzazione di circuiti automobilistici. Il pit-building è stato interamente ricostruito: la nuova struttura conta 32 box (contro i precedenti 18), è stato creato un paddock molto più spazioso e realizzata la nuova Race Control.

 

 

 

A queste opere sono seguiti ulteriori interventi durante i mesi estivi del 2008, che hanno riguardato la ridefinizione del layout dell’ingresso della pit lane e l’ampliamento della via di fuga della Curva Piratella, oltre alla riasfaltatura del tratto di tracciato compreso tra l’uscita dei box e la fine della Curva del Tamburello.

Nel maggio 2014, in occasione delle celebrazioni del ventennale della morte di Ayrton Senna, l’ingresso principale dell’Autodromo è stato spostato oltre la vecchia torre, creando una rotatoria intitolata a Senna e permettendo al pubblico l’ingresso in un’area che fino ad allora era risultata inaccessibile.

 

 

 

 

 

 

 

CARATTERISTICHE GENERALI DELLA PISTA

  • Lunghezza tracciato: auto Km 4,909 – moto Km 4,936
  • Lunghezza primo giro: auto Km 4,609 – moto Km 4,724
  • Senso di marcia: antiorario
  • Larghezza pista: da un massimo di mt 15 a un minimo di mt 10
  • Velocità massima: auto Km/h 330 – moto Km/h 290
  • Curve: a destra 9 – a sinistra 13
  • Postazioni commissari: 22 principali e 60 secondarie
  • Telecamere: 18 dislocate lungo il percorso

Ultimo aggiornamento: