Cincinnato Baruzzi

image_print

Di agiata famiglia imolese, fu brillante allievo del Canova e, alla morte del maestro, ne rilevò lo studio e ne perpetuò lo stile e i soggetti scultorei con assoluta fedeltà allo stile neoclassico, riscuotendo per circa trent’anni grande successo in patria e all’estero.

 

Frequentarono il suo studio l’Imperatore di Russia, il Re di Baviera, il Principe di Metternich, Carlo Alberto di Savoia.

 

Le nuove mode culturali e i nuovi ideali politici che seguirono l’Unità d’Italia, decretarono però l’eclissi permanente della fama dello scultore imolese e la dispersione delle sue opere.
Fra quelle rimaste a Imola, vi sono il busto di Francesco Alberghetti, conservato nella sala del Consiglio Comunale in Municipio, di Cornelio Silla e Luigi Valeriani conservati nella Biblioteca comunale.


Ultimo aggiornamento: